Nuovo mister della Nazionale, i numeri premiano Roberto Mancini

 Con 3 Scudetti, 4 coppe Italia, 1 Premier League, 1 FA Cup, 1 Community Shield,  Roberto Mancini è il candidato alla panchina dell’Italia con più trofei nel palmares nonché quello dalla più alta percentuale di vittorie. Gli altri possibili nomi per la panchina dell’Italia sono Allegri, Spalletti, Guidolin e Zaccheroni, tutti al di sotto del 55% di vittorie in carriera, percentuale che invece può vantare il tecnico jesino.

Dopo le dimissioni di Prandelli, SuperNews – testata giornalistica di informazione sportiva – ha voluto fare maggiore chiarezza sulla convenienza di ogni singola opzione, analizzando il numero di vittorie ottenute da ciascuno nel corso della carriera.

Roberto Mancini è la scelta giusta se si vanno ad analizzare i risultati ottenuti. Con il 55% di vittorie in carriera l’ex allenatore del Galatasaray stacca Luciano Spalletti (49%) e Massimiliano Allegri (47%). Indietro Alberto Zaccheroni (44%) e Francesco Guidolin (39%) cui pesa non aver allenato grandissime squadre.

Anche analizzando il palmares verrebbe facile optare per il Mancio, capace di vincere tre scudetti all’Inter e una Premier League con il Manchester City. Similare il bilancio tra Spalletti e Allegri con l’ex allenatore milanista che può vantare un campionato vinto col Milan a fronte di una Premier League russa dell’ex Zenit.

Vittorie
Palmares
Modulo preferito
Roberto Mancini 55% 3 Scudetti, 4 coppa Italia, 1 Premier League, 1 FA Cup, 1 Community Shield 4-4-2
Luciano Spalletti 49% 2 Coppa Italia, 1 Supercoppa Italiana, 2 Campionato Russo, 1 Coppa di Russia 4-2-3-1
Massimiliano Allegri 47% 1 Scudetto, 1 Supercoppa Italiana 4-3-3
Alberto Zaccheroni 44% 1 Scudetto, 1 Coppa d’Asia 3-4-3
Francesco Guidolin 39% 1 Coppa Italia, 1 Campionato Serie B 3-5-2

Il gioco della prossima Italia

Gli anni passati alla Roma, prima, e allo Zenit poi, hanno fatto innamorare molti esteti del calcio. Come non ricordare la Roma di Luciano Spalletti, forse il primo a inventare il falso nueve, ruolo tanto di moda oggi. In Nazionale il tecnico toscano potrebbe riproporre il suo 4-2-3-1 con Pepito Rossi al centro del progetto tecnico.

Un buon mix tra solidità e gioco potrebbe essere garantito da Max Allegri che con il Milan ha vinto lo scudetto nel 2011. Il suo 4-3-3 non esalterebbe le doti del regista classico, il che lascerebbe presagire uno scarso impiego anche di Verratti, il giovane che è sembrato l’unico punto fermo su cui l’Italia può veramente puntare per un rilancio a breve termine.

Con Roberto Mancini si tornerebbe probabilmente al 4-4-2 anche se il tecnico jesino ha spesso utilizzato la variante 4-2-3-1 sia al Galatasaray che in Inghiletrra. Il grande dubbio è relativo a Balotelli: ci sarà posto per Supermario dopo il clamoroso litigio tra i due all’epoca del Manchester City?

Non hanno mai fatto sobbalzare i tifosi delle proprie squadre né Zac né Guidolin che hanno sempre preferito il risultato al bel gioco. Alberto Zaccheroni è reduce dall’esperienza non proprio brillante a Brasile 2014 alla guida del Giappone, dove ha peraltro sfatato l’utilizzo di quel 3-4-3 che lo ha reso famoso e vincente ai tempi di Udinese e Milan. Ultimamente si è aperto anche alla difesa a 4 e all’uso di più mezzepunte, ma difficilmente potrebbe garantire un gioco altamente offensivo con la nazionale italiana.

Detto addio alla panchina dell’Udinese, Francesco Guidolin in caso di approdo su quella azzurra potrebbe rilanciare l’idea tattica del 3-5-2 vista nell’ultima gara dei Mondiali contro l’Uruguay. Ovviamente l’ex tecnico dei friulani ripartirebbe dal blocco difensivo della Juventus, con Verratti o Pirlo faro per il centrocampo.

WP Twitter Auto Publish Powered By : XYZScripts.com