L’Empoli dura solo 45′, poi il Milan cala il poker 4-1 al Castellani

Seconda sconfitta consecutiva per gli azzurri al Castellani, dopo lo 0-4 di domenica scorsa nel derby con la Fiorentina, è stato il Milan questa sera ad imporsi per 4-1 al cospetto di un Empoli che è rimasto in partita solo nella prima frazione.

Canovaccio simile a quello del derby con i viola, stasera si è visto un Empoli sfoderare una prestazione di maggior intensità e dinamismo nella prima frazione, unita anche alla qualità che ha fatto tremare a più riprese il diavolo. Al riposo il pareggio stava molto più stretto agli uomini di Martusciello, poi però dagli spogliatoi l’Empoli si scioglie come neve al sole arretrando e cdonsentendo al Milan di tornare in vantaggio e chiudere la gara nel giro di pochi minuti.

PRIMO TEMPO DA APPLAUSI. Rispetto alla formazione annunciata Martusciello deve rinunciare a Pucciarelli, out per un problema fisico al suo posto dentro Marilungo a fare coppia d’attacco con Maccarone. Il Milan risponde avanzando Bonaventura sulla posizione degli attaccanti a fianco di Lapadula e Suso. La partenza degli azzurri è al fulmicotone anche perchè il Milan soffre il pressing portato dagli uomini di Martusciello. Al 2′ retropassaggio corto di Donnarumma per De Sciglio anticipato da Krunic il quale entra in area da posizione defilata assist per Maccarone che a porta vuota spedisce a lato. La risposta del Milan è affidato al destro di Lapadula sul quale Skorupski ci mette i pugni. L’Empoli si fa preferire anche per una manovra ordinata e per la capacità di rompere le linee di difesa e centrocampo degli avversari. Quando però si compiono errori nella propria metà campo si viene puntualmente puniti come accade al 14′ quando Kucka (appena subentrato all’infortunato Mati Fernandez) ruba palla a Diousse allarga per Suso, il quale mette in mezzo per Lapadula, che da rapace d’area non si fa pregare firmando il vantaggio rossonero. Gli azzurri rispondono subito con Krunic il quale mette in mezzo un cross sul quale Donnarumma interviene in uscita non trattenendo la sfera che esce dall’area, arriva Saponara il quale pesca l’angolino giusto facendo esplodere il Castellani. La partita si mantiene godibile: al 20′ percussione di Abate con sinistro da dentro l’area a lato di poco, risponde Maccarone, innescato da Saponara con un destro da posizione defilata che si perde a lato. Il finale è a tinte azzurre ancora con lo scatenato numero 10 azzurro, il quale va vicino al raddoppio in due circostanze.

BLACK-OUT. Nella ripresa va in scena un film completamente diverso, l’Empoli si ritrae nella metà campo non riuscendo mai a contrattaccare permettendo al Milan di fare gioco. Il predominio dei rossoneri sfocia nel nuovo vantaggio degli uomini di Montella: Lapadula allarga per Abate, preciso il suo cross che premia l’inserimento centrale di Suso il quale non lascia scampo a Skorupski. Gli azzurri mollano gli ormeggi e il Milan può chiudere la contesa poco dopo con una percussione di Bonaventura che trova la sfortunata autorete di Costa. A stretto giro di posta problemi fisici per Veseli sostituito da Zambelli mentre Krunic viene sostituito da Tello, poco dopo Marilungo lascia spazio a GIlardino. Cambi che non cambiano la contesa, il Milan prima va in rete con Paselic (annullata per fuorigioco) e poi con Lapadula con un destro deviato da Costa con palla all’angolino alla destra di Skorupski per il 4-1 con cui si chiude la gara.

EMPOLI- MILAN 1-4

EMPOLI (4-3-1-2): Skorupski, Veseli (66′ Zambelli), Bellusci, Costa, Pasqual, Krunic(67′ Tello), Croce, Saponara, Maccarone, Marilungo (73′ Gilardino). A disp.: Pugliesi, Pelagotti, DiMarco, Barba, Cosic, Mauri, Maiello, Pereira, Buchel, All. Martusciello.

MILAN (4-3-3): Donnarumma, Abate, Gomez, Romagnoli, De Sciglio, Pasalic (78′ Niang), Locatelli, Mati Fernandez (10’Kucka),  Suso, Lapadula (83′ Poli), Bonaventura. A disp.: Gabriel, Guarnone, Zapata, Paletta, Antonelli, Honda,  Sosa,  Bertolacci, Luiz Adriano,  All. Montella.

ARBITRO: Calvarese di Teramo. Assistenti: Posado di Bari e Ranghetti di Chiari.

RETI: Lapadula 14′ e 77′, Saponara 16′, Suso 61′, Aut. Costa 63′.

NOTE: Ammoniti: Romagnoli, Kucka, Krunic, Bonaventura, Bellusci, Angoli 2-5. Rec. 0’+3′. Spettatori 9000 circa

,