Dove ordinare il Cialis in Italia
Beställ generisk Viagra i Stockholm | Viagra en Paris | Wo kann man Viagra in Berlin | Viagra kopen in Amsterdam | Dove ordinare il Cialis in Rome

Grosseto-Gubbio 2-0: buona la prima per il Grifone

GROSSETO – Buona la prima per il Grosseto: Alfageme ed il “solito” Caridi, hanno regolato un Gubbio piuttosto molle e deludente rispetto all’ultima uscita trionfante di Coppa Italia contro l’Atalanta.
Una ”boccata d’ossigeno” per i giocatori biancorossi, dopo una settimana tesa, in seguito alla sconfitta pesante subita nella Tim Cup ad opera del Parma e la conseguente mancata festa di presentazione ai tifosi. “Grifone” già vivo al 2′ con una discesa di Mancino, palla in area per Caridi che, però, tira debolmente fra le braccia di Donnarumma da posizione favorevole. Insiste la squadra di Ugolotti, decisa e convinta di fare suo il risultato, all’11’ Mancino in area per Sforzini in spaccata, Donnarumma devia in angolo. Macina gioco il Grosseto e al 14′ Bianco su punizione spedisce la sfera sopra la traversa. Pericoloso il Gubbio al 20′: Bazzoffia va via alla difesa biancorossa e si presenta davanti a Narciso che non abbocca al tentativo di pallonetto del giocatore umbro. Quindi è la volta di Sforzini, fino a quel momento ben controllato dalla difesa ospite, a farsi vedere con una conclusione fiacca dal limite dell’area e successiva parata a terra di Donnarumma. Al 19′ arriva la rete del Grosseto, a coronamento della pressione esercitata fino a quel momento dai padroni di casa. Punizione di Caridi (tanto per cambiare) palla in area, indugiano i centrali del Gubbio con Sforzini che conclude a botta sicura, miracolo di Donnarumma ma sulla ribattuta è lesto Alfageme ad infilare la porta avversaria, 1-0.
Da qui alla fine della prima frazione di gioco, la gara non offre grossi spunti di cronaca ma resta sempre combattuta, fino al 35′, quando Caridi riceve da Alfageme e colpisce in pieno il palo con un destro a rientrare, a portiere battuto. E’ il preludio al 2-0, realizzato dallo stesso esterno biancorosso, un minuto dopo. Scambio Caridi-Consonni-Caridi che, entra in area da sinistra, tocco leggero con la punta quasi da fondo campo anticipando Donnarunna, in colpevole ritardo nell’uscita, con la palla che si avvia lentamente in fondo alla rete e si insacca. Il Gubbio reagisce ma non crea problemi alla retroguardia grossetana. Al 40′ ci prova Ciofani, dopo un batti e ribatti in seguito a calcio d’angolo, che devia fra le braccia di Narciso. Il primo tempo termina, dopo un “supplemento” di un minuto, con l’uscita del Grosseto fra gli applausi. La ripresa inizia con il cambio di capitan Consonni, uno dei migliori, con l’esordiente Zanetti. La partita, per una ventina di minuti, viene gestita dalla tattica accorta dei giocatori di Ugolotti, mentre per il Gubbio tanto impegno ma poca sostanza. Ne esce, anche per il consueto “valzer” delle sostituzioni, un’assenza totale di emozioni. Ci provano gli eugubini ma non risultano tiri in porta degni di questo termine. Dall’altra parte, il Grosseto attende guardingo e non rischia nulla in difesa. L’ultima emozione per il pubblico la riserva sempre Caridi (86′) che di sinistro, complice una deviazione, coglie la traversa. L’incontro termina, dopo due minuti di recupero, con una vittoria netta ed inequivocabile del Grosseto che conquista i primi tre punti della stagione, grazie ad un calcio concreto e di qualità. Per il Gubbio, invece, c’è ancora molto da lavorare.

s.fabbroni@calciotoscano.it

GROSSETO (4-4-2): Narciso; Petras, Padella, Federici, Bianco; Mancino,Crimi, Consonni (46′ Zanetti), Caridi; Sforzini (71′ Gerardi), Alfageme (62′ Asante) (A disp. Lanni, Formiconi, Lupoli, Giallombardo).All Ugolotti

GUBBIO (4-2-3-1): Donnarumma; Almici, Benedetti, Briganti, Farina; Boisfer, Buchel; Bazzoffia (57′ Mendicino), Giannetti (68′ Kraus), Ragatzu (46′ Caracciolo); Ciofani (A disp. Farabbi, Sandreani, Montefusco, Smacchia, Mendicino, Kraus). All.Pecchia

Arbitro:Giacomelli di trieste
1° Assistente: Bagnoli di Teramo
2° Assistente: Di Francesco di Teramo
4° Uomo: Giudici di Latina

Reti: 19′ Alfageme (Gr), 35′ Caridi (Gr)
Ammoniti: Burchel e Boisfer, Benedetti (Gu), Consonni (Gr)
Espulsi:
Angoli: 6-6
Recupero: 1′ p.t., 2′ s.t.

,